Wiad Palermo 2017: la Giornata Mondiale dell’Architettura dell’Informazione e il bello di fare comunità

Information Architecture, User Experience Design, Metadata, Interfacce, Personas. Detti così sembrerebbero gli ingredienti base per il prossimo episodio di Guerre Stellari: lotte intergalattiche tra il bene e il male a colpi di spade laser e raggi fotonici. In realtà, dietro questi misteriosi quanto contemporanei termini, si nasconde un pianeta assolutamente terrestre, in cui le interazioni tra persone o tra persone e dispositivi, per una buona efficacia informativa e comunicativa, in molti casi è bene che siano regolate da “direttori d’orchestra”, che ci aiutano a mettere ordine e armonia in un caos di parole, notizie, input, dati, informazioni.

Si, avete ragione, non ho spiegato ancora il significato degli arcani termini prima elencati. Beh, magari perché l’architettura informativa di questo mio articolo è volta, innanzitutto, a stimolare in voi la curiosità verso questo mondo, che anche io sconoscevo sino a tre anni fa. E perché dalla curiosità e dalla scoperta vengono fuori le domande e quindi anche le risposte.

Come spesso accade, per comprendere ciò che è nuovo per la nostra mente, occorre decifrare e somatizzare un lessico di settore. Quei termini che ho citato, infatti, sono pane quotidiano per i vari professionisti che si occupano di studiare, organizzare, rendere visivamente e “usabilmente” (mi si passi il neologismo) i vari dati con cui giornalmente entriamo in contatto. Volete un esempio? A tutti sarà capitato di fare la fila alla posta o un qualsiasi turno in una struttura pubblica, un ospedale ad esempio. Ecco, di fronte a una necessità d’uso, quella di noi utenti che ricerchiamo l’erogazione di un servizio, siamo sottoposti alla selezione di informazioni utili a soddisfare questa nostra esigenza: in quale sportello andare? Come ricevere la prestazione? Quale segnaletica visualizzare? E se in quest’ultima, ad esempio, ci sono due indicazioni contrastanti o poco chiare?

La stessa situazione di esigenza informativa e di erogazione di un servizio si verifica quando utilizziamo una app o cerchiamo di effettuare un’operazione on line, attraverso un dispositivo. Quale interfaccia ci supporta nella scelta? Come è stato ragionato il modo in cui fornire le informazioni e renderle visivamente per consentirci una migliore “usabilità” degli strumenti?

Ecco che a poco a poco quello che sembrava un mondo lontano dalla nostra quotidianità si rivela nella sua evidente contemporaneità. Tutti, ogni giorno, abbiamo a che fare con una enorme quantità di informazioni, di dati, così come tutti abbiamo esigenze, richieste, desideri di consumo specifici, che cerchiamo di soddisfare utilizzando strumenti tradizionali o dispositivi e supporti tecnologici.

L’Architettura dell’Informazione è proprio quella disciplina che si occupa di mettere a sistema il corpus eterogeneo di informazioni e le differenti modalità attraverso cui si può arrivare a una esperienza di fruizione il più possibile completa e efficace. Ci rendiamo conto, allora, di quanto sia legata alla nostra quotidianità e quanto, le professioni che si legano all’architettura dell’informazione siano importanti e lo saranno ancor di più nei prossimi anni: un’occasione di sviluppo professionale come pochi, in un periodo di crisi del lavoro tradizionale.

Ma per comprendere il valore delle novità, molto spesso occorre un grande lavoro di divulgazione. E’ quello che fa il World IA Day, la Giornata Mondiale dell’Architettura dell’Informazione, un evento annuale promosso, a livello globale dall’Information Architecture Institute.

Quest’anno Wiad 2017 si svolgerà il 18 febbraio 2017 in contemporanea mondiale in 58 città e in 24 paesi. Il tema è: Information Strategy and Structure. In Italia, Wiad avrà luogo contemporaneamente in tre città. Insieme a Roma e Verona –Trento, per il terzo anno consecutivo ci sarà ancora Palermo.

Nella nostra città questo evento ha un valore ulteriore, quello comunitario e collaborativo. A Palermo, da tre anni, Wiad Palermo è un’occasione di crescita umana e professionale e di rafforzamento di legami, tra comunità che si incontrano: di professionisti, di organizzazioni, di progetti, di persone. Chi vi è coinvolto mette passione, entusiasmo e competenza, in modo del tutto volontario e con la voglia di rendere Palermo una città unica nella sua peculiarità locale, ma legata al resto del mondo per le dinamiche di sviluppo globale.

Wiad 2017 a Palermo è un laboratorio di continuità e non solo di prossimità che ha visto lavorare insieme quattro comunità di “innovazione” cittadina: Pmo Coworking, coworking al centro di Palermo, nel cuore della sua city più attiva e dinamica; PUSH, organizzazione no profit attiva nel campo della social innovation e del service design; FabLab Palermo, laboratorio di fabbricazione digitale, hub dei makers siciliani; UX Book Club Palermo, comunità di pratiche, che riunisce UX designer, appassionati e curiosi sul tema.

Wiad Palermo 2017 sarà ospitato da SanLorenzo Mercato, un’azienda che ha riqualificato un’ex area industriale periferica della città, basandosi sulla qualità 100% siciliana del progetto e dei suoi prodotti e servizi. Un’esperienza siciliana, palermitana e fortemente locale ma al contempo internazionale. Proprio come Wiad.

Si parlerà di prodotti e produttori, di linguaggio, di suoni e interfacce vocali, di street art e mappe digitali, di vino e progettazione di esperienze di consumo. Lo si farà con gli speaker, ospiti di questa edizione: Gaetano Lombardo, Responsabile Comunicazione e Marketing di Sanlorenzo Mercato, Yvonne Bindi, Architetto dell’Informazione; Toni Fontana, Architetto dell’informazione e sociolinguista; Mauro Filippi, Designer; Diego La Vecchia, Interaction Designer; Fabio Nucatola, Interaction Designer; Maurizio Schifano, UX, UI Designer.

L’evento è rivolto a un vasto pubblico: Designers, Grafici, Sviluppatori, Manager e Imprenditori, Professionisti nel settore marketing, Dirigenti della pubblica amministrazione, Studenti, liberi professionisti, curiosi.

Wiad Palermo 2017 è reso possibile grazie al supporto degli sponsor Architecta, Neos srl e dei partner tecnici, Sanlorenzo Mercato e B&B Piccola Sicilia.

 

Si inizia sabato 18 febbraio alle 9,30 con la registrazione dei partecipanti. L’ingresso è gratuito previa iscrizione. Palermo al contrario, media partner di Wiad Palermo, seguirà per voi la giornata.

Eliana Messineo

 

Ulteriori informazioni sul programma

www.wiadpalermo.com

http://www.2017.worldiaday.org/location/palermo-italy

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...